Invita un amico, ricevi 4€

SPEDIZIONI GRATUITE per ordini da 45€ | SCONTO 5€ se ti iscrivi alla newsletter

SUCCEDEVA PRIMA DELLO SHOP ONLINE

Qui è dove
comincia la storia
del Parmigiano Reggiano

PROVERBIO EMILIANO ROMAGNOLO:
“Dalla tavola non ci si alza mai se la bocca non sa di formaggio”
[Dla tevla en s’elza mai se la boca la n’ha de furmaj]

Le prime produzioni di formaggio avvennero nei caseifici dei monasteri, in particolare nella zona di Parma e di Reggio Emilia.

Monasteri cistercensi e benedettini si occupavano di produrre diversi tipi di formaggi e altri alimenti, tra cui le prime versioni di parmigiano.

1254

INIZIA IL COMMERCIO

Il caseus parmensis compare in un atto notarile a Genova

I primi caseifici furono i monasteri benedettini e cistercensi.
Oggi come allora gli ingredienti sono sempre gli stessi: acqua, sale, latte e tanto tempo per la stagionatura.

1344

LA TESTIMONIANZA LETTERARIA PIU'ANTICA

Da sempre nei versi dei più grandi poeti

La testimonianza letteraria più nota è del 1344: Giovanni Boccaccio nel Decamerone descrive la contrada del Bengodi e cita una montagna di “parmigiano grattugiato” su cui venivano fatti rotolare “maccheroni e raviuoli”, dando così un’indicazione dell’uso che se ne poteva fare in cucina.

1500

INIZIA L'ESPORTAZIONE

Da Modena all'Europa

Le “forme” arrivano in Germania, in Francia e nelle Fiandre dove viene citato dai cuochi più famosi dell’epoca.

1928

IL PRIMO CONSORZIO

A Reggio i caseifici si organizzano

I primi passi avvengono in provincia di Reggio Emilia, nel 1928, dove i caseifici si associarono per dare origine al Consorzio volontario del Grana Reggiano.

1937

VIENE DELINEATO IL TERRITORIO

Il nome Parmigiano Reggiano viene ufficiliazzato

Nel 1937 la zona di produzione viene definita con i confini che sono quelli attuali, comprendendo anche i territori della provincia di Bologna (sinistra Reno): infine, il termine Parmigiano Reggiano venne ufficializzato per la prima volta nel 1938.

1955

LO STANDARD DI PRODUZIONE

Tutte le caratteristiche del Parmigiano

Nel 1955 sono definite le caratteristiche del prodotto (lo Standard di produzione) e negli anni successivi vengono definite meglio le finalità ed i compiti del Consorzio (a cui aderiscono volontariamente tutti i caseifici produttori), che sono la tutela del prodotto, la sua promozione e il miglioramento tecnico.

1996

NASCONO LE D.O.P.

Il Parmigiano ottiene la D.O.P. Europea

Nel 1992 è approvato il Regolamento CEE 2081/1992 sulle Denominazioni d’Origine Protette, le DOP (poi integrato dal Regolamento (CEE) 510/2006): nel 1996, il Parmigiano Reggiano viene riconosciuto come una DOP europea.

2008

Il PARMESAN NON ESISTE

La sentenza della Corte di Giustizia Europea

Uno di questi successi, forse il più importante, è la sentenza della Corte di Giustizia Europea del 26 febbraio 2008, che ha sancito che termini evocativi della DOP Parmigiano Reggiano come il termine parmesan devono essere riservati all’autentico formaggio prodotto secondo il Disciplinare di produzione.

2012

"PRODOTTO DI MONTAGNA"

Solo ad alta quota

Le condizioni sono che gli allevamenti devono essere all’interno di zone di montagna, così come  i foraggi utilizzati per l’alimentazione delle vacche, i caseifici e ogni fase della lavorazione del latte, dalla raccolta, del riposo nelle vasche, alla lavorazione in caldaia. La stagionatura deve avvenire in stabilimenti posti in zone di montagna.

Scopri la Nostra Selezione

Selezioniamo e scegliamo solo le migliori forme di Parmigiano Reggiano

Invita e Guadagna

X
Accedi al tuo account e invita chi vuoi: per te SUBITO 4€
Accedi